Ironman di Regensburg 2011

Pain is temporary pride is forever...

Era questo l’Ironman cui puntavo, la gara della stagione per andare sotto le 10 ore. Una serie di inconvenienti non me l’ha permesso, ma sono comunque contento di essere riuscito a portare a casa con orgoglio questo ricordo importante. Tempo finale 10:14:10…

Si può concentrare una gara di 10 ore e tutta la sua preparazione logistica in poche righe? Ci provo.

Il viaggio, la trasferta con Erika, tutta in macchina, tutta una tirata da Roma a Regensburg. Il passaggio tra i castelli del Trentino, l’arrivo in Baviera e poi alla meta. Ho guidato sempre io, per 13 ore quasi consecutive. Anche se soffro di sonno alla guida, l’eccitazione e l’attesa ha avuto il sopravvento. Non ricordo esattamente cosa ho mangiato sicuramente qualcosa di “oculato” e scelto scientificamente. Il meteo non promette nulla di buono.

Arriviamo just in time alla consegna della bicicletta, probabilmente sono stato uno degli ultimi a consegnarla entro la zona cambio. Era doppia la zona cambio una nuoto-bici e distante la bici-corsa. Dovevo organizzare una doppia sacca. Per me doppio tutto, sono solito cambiarmi per le varie frazioni.

La gara!

Pain is temporary,
pride is forever

Il mio obbiettivo erano le 10 ore. Pioveva, tempo cupo, l’acqua non era freddissima e comunque la massa di persone l’avrebbe scaldata. La partenza, vedere il video, è stata impressionante. Una vera e propria tonnara, una mattanza! Sono partito molto defilato, di lato, e sono partito benissimo. Come sempre ho cercato di fare la linea mia, teoricamente più giusta, PRATICAMENTE FALIMENTARE. Sono bravo a mantenere al linea, mi alleno sempre in acque libere, ma da bravo tonto, ho cominciato a rimbalzare da un gruppetto all’altro e la frazione di nuoto è stata lunghissima. Oltre un’ora…

Tento il recupero in bici, riprendo molti miei amici-avversari, in salita sono un drago, come sempre rapporto non troppo agile, ed in discesa supero tutto le mie paure nonostante l’asfalto viscido. Freddo, pioggia e anche scrolloni di grandine. Per un “solare” come me non è facile pedalare.

Inizia il secondo giro e sulla prima salita un sassolino rompe il deragliatore. Cacchio… tutto perfetto, tutto organizzato al secondo e proprio in gara questo inconveniente. La decisione deve essere immediata… Corona o non corona? Ahahahah… domanda superflua … incontro in quel momento il mio amico Fabrizio T. … l’illuminazione!!! Fabrizio … CORONA!!!

Tutto sarà più in salita, soprattutto … in salita. Termino in agilità, ultimi 20km tra vento e pioggia senza troppo sforzare. 5 h e 19 minuti, per una gara con molte salite, vento e pioggia va bene.

Inizia la corsa. Inizia male, manca dalla mia sacca un calzino. Cacchio 2!!! Niente, rimetto il calzino bagnato sporco di terra e quello pulito. La lucidità mi dice di usare quello più pulito sul piede più integro. Fatto bene. La corsa procede bene fino al 20° km poi iniziano fitte allo stomaco. Mai avute, mai avuto problemi nella vita di tutti i giorni ed in allenamento. Gli integratori che uso sono gli stessi che ho sempre usato. Probabilmente il freddo e la pioggia mi ha rovinato. Succede a tutti in qualche gara, a me proprio in questa. Mi fermo 3 volte nei bagni chimici, li detesto ma stavolta è stato necessario. Corro bene, le gambe sono perfette, peccato proprio questo mal di pancia, stomaco, addome.

Arrivo fresco, lo vedete in video, il finale di questa maratona è spettacolare per me. Ho dato il massimo ma non tutto a causa di quelle “scariche”. Divertente, guardatelo in video, il dopo arrivo quando un’infermiera interviene per soccorrermi. Forte, l’Ironman ti rende forte, imbattibile, unico!!!

Tempo finale 10:14:10. HO FALLITO!!!


Sezioni
Gare svolte

Triatleta da 25 anni, Ironman da soli 8. Miglior tempo nel 2011, nel Challenge di Barcellona dove, a 46 anni, sono riuscito a scendere sotto le 10 ore, primo italiano a compiere l'impresa nella categoria over-45. ECCO TUTTE LE MIE GARE SU DISTANZA IRONMAN
Translate:
Seguimi su Sporttracks
IRONMAN Italy - Cervia
-297Giorni -4Ore -14Minuti -42Secondi
Accedi
Ironman su facebook

TI POTREBBE INTERESSARE...